Lavoro

Progetti, sfide e persone: nuovi scenari per l'online fundraising
7 ottobre ore 12.30-13.30
CERGAS Bocconi insieme a Retedeldono presenta i risultati della prima ricerca condotta in Italia sul tema del Personal Fundraising. Il rapporto di ricerca traccia l’identikit del Personal Fundraiser, definendone ambiti d’azione e strumenti. Tale rapporto è un utile strumento a sostegno di organizzazioni non profit, per aiutarle a integrare questo nuovo canale di raccolta fondi nella propria strategia di online fundraising e aziende che intendono ampliare e arricchire la propria strategia di CSR a sostegno di una buona causa.

Imprese e mondo della scuola: esperienze a confronto
7 ottobre ore 16 - 17.30
L’impegno delle imprese nei confronti delle nuove generazioni è in crescita e molte organizzazioni stanno sviluppando iniziative didattiche finalizzate all’educazione finanziaria, all’educazione alimentare etc. La CSR sta entrando nei programmi di alcuni istituti e università che hanno scelto di formare i giovani anche sui temi della sostenibilità e della responsabilità sociale. L’incontro vedrà confrontarsi alcune importanti organizzazioni e aziende su questo argomento.

La gestione responsabile delle risorse umane
8 ottobre ore 9.30 - 10.30 
Attenzione al benessere delle persone, con particolare riguardo alla salute e sicurezza degli ambienti di lavoro, conciliazione vita-lavoro (work-life balance), impegno per l’occupabilità dei collaboratori, attraverso iniziative di formazione e mentoring lungo tutto il percorso professionale ma anche di outplacement e supporto alla mobilità. Fino ad arrivare alla partecipazione dei dipendenti alla governance dell’impresa. Iniziative diverse che dimostrano come la CSR sta penetrando in profondità in molte organizzazioni, in particolare nelle aziende più attente, impegnate, innovative. Grazie alla testimonianza di alcune imprese, si approfondiranno alcuni argomenti strettamente collegati a una nuova visione nella gestione delle risorse umane.

Diversity Management tra etica e business
8 ottobre ore 12-13
A cura del Diversity Management Lab–SDA Bocconi in collaborazione con il topic Plurality&Diversity BAA
Attuare politiche di diversity management significa riconoscere l’esistenza di diversità a cui attribuire un significato positivo abbracciando il paradigma in base al quale le differenze sono un valore per la collettività, per l’impresa e non un elemento di distorsione dalla normalità da tollerare o arginare. È importante quindi legittimare le diversità come un atto di leadership consapevole in quanto in grado di accettare razionalmente le trasformazioni della forza lavoro, ma al contempo visionario perché in grado di rilevare queste diversità non come un problema da gestire, ma come una risorsa organizzativa per costruire un’impresa solida nel tempo, sostenibile e responsabile.

Le sopravvissute: incontro con Ana Bella Estévez
8 ottobre ore 14.30 – 15
Diventare agenti di cambiamento: in Spagna Ana Bella sta dimostrando che le donne con alle spalle esperienze legate alla violenza di genere non dovrebbero essere considerate vittime, ma piuttosto sopravvissute con competenze uniche e utili professionalmente. Lei stessa sopravvissuta ad abusi domestici, lavora per aiutare e incoraggiare le donne maltrattate, sfruttando i loro punti di forza e le loro capacità al fine di riconquistare la fiducia in se. Oltre a guidare una rete di sopravvissute in Spagna che aiuta 1200 donne ogni anno, Ana Bella ha creato la Social School for Women Empowerment dove insegna alle donne a sviluppare il loro potenziale e a diventare agenti di cambiamento. Il programma prepara le donne a lavori ad alta visibilità come promotrici di vendita o impieghi relativi alle Risorse Umane, rispetto a lavori invisibili che creano una seconda vittimizzazione. Nel 2012 e nel 2013 oltre 200 donne sono state formate e hanno lavorato come ambasciatrici commerciali, contribuendo alla comprovata crescita economica e sociale di imprese come Danone. Ora la sfida è di raffinare questo modello di impiego affinché sia realmente sostenibile, attraente e scalabile attraverso altri importanti partner commerciali in tutto il mondo.

We Work
8 ottobre ore 15 - 16
A cura di Avanzi
In tutt’Italia stanno nascendo spazi di co-working e, più in generale, luoghi ibridi di lavoro in cui innovatori in vari campi operano in maniera informale e creativa. Queste esperienze, anche se ancora limitate in scala, stanno facendo emergere nuove forme di collaborazione e interessanti sinergie con le strategie di sviluppo locale. L’incontro mira a rispondere a due domande fondamentali: come possono relazionarsi imprese e organizzazioni consolidate con queste pratiche innovative? Quali elementi possono eventualmente essere mutuati per modificare luoghi ed esperienze di lavoro tradizionali?

Come si diventa CSR Manager?
8 ottobre ore 15 - 16
A cura di CSR Manager Network
Quali sono i percorsi che portano a fare della CSR un mestiere? Quali i compiti di un professionista della CSR? Quali attese di carriera può avere una persona che dedica la propria professione alla CSR? Questi alcuni dei quesiti a cui il CSR Manager Network intende rispondere con l’incontro dedicato ai giovani che si affacciano al mondo del lavoro in occasione de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale. CSR Manager con vari background professionali, percorsi di carriera e differenti ambiti operativi si confronteranno per soddisfare le attese conoscitive di quanti vogliono approfondire le effettive opportunità professionali connesse alla sostenibilità.

Accessibilità per tutti: progettare e comunicare senza barriere
8 ottobre ore 15 - 16

Se ascolto gli stakeholder, se ne colgo i bisogni e le aspettative, se traduco tutto ciò in obiettivi che mi impegno a perseguire, è altamente probabile che questo percorso mi porti a soddisfare nuove fasce di mercato, coniugando così la valenza sociale del mio agire con il ritorno economico. Saper coniugare business, sociale ed ambiente è un fondamento della responsabilità sociale. Ecco dunque che l’accessibilità diventa un importante elemento di marketing, oltre, naturalmente, ad un segno di maturità sociale. Claudia Strasserra; Social Responsibility Sector Manager Bureau Veritas Italia, affronterà in questo Forum il tema dell'Accessibilità, come strumento strategico per l'impresa. Interverrà al dibattito la Dott.sa. Paola De Donato, Consulente Promozione Turistica - Promotore Turismo Sostenibile di Handy Superabile. L'associazione Handy Superabile promuove il turismo accessibile e i servizi per i disabili. In occasione del Forum, Handy Superabile presenterà la propria esperienza in ambito Turismo accessibile e mostrerà alle aziende come migliorare ulteriormente la qualità dei loro servizi e prodotti offerti ai clienti con esigenze speciali. Interverrà inoltre Fulvia Laghi, Presidentessa della Cooperativa Sociale ISOLA Onlus, struttura socio-occupazionale e socio-residenziale per persone con disabilità, nata con l'obiettivo di creare uno spazio socio lavorativo che, nel rispetto delle potenzialità del singolo favorisca, dove possibile, la transizione al lavoro e la realizzazione della persona. La Cooperativa Sociale ISOLA Onlus è stata la prima ad essere stata certificata da Bureau Veritas in base al modello VeritAble.

Giovani e mercato del lavoro: andare oltre gli stereotipi
8 ottobre ore 15 - 16.30
Il rapporto tra giovani e lavoro è spesso ricco di luoghi comuni, frutto di stereotipi che possono giocare un ruolo negativo nel loro inserimento occupazionale.
È necessario invertire la tendenza: da una parte dare spazio ai giovani, migliorare il sistema educativo e il passaggio al mondo del lavoro, sostenere la costruzione di nuove imprese. Dall’altro sostenere le imprese che puntano sui giovani, promuovere percorsi di carriera che valorizzino le competenze, stimolare progetti di coworking. Durante l’incontro si approfondiranno alcuni aspetti del tema anche grazie al dialogo e al confronto tra imprese e giovani studenti.
 
Dai un senso al profitto
8 ottobre ore 16.30 – 18
Il progetto Dai un senso al profitto, che si propone di valorizzare in Bocconi una cultura nella quale i concetti di economico e sociale trovano una specifica integrazione, è giunto alla terza edizione. Gli studenti hanno collaborato negli ultimi mesi con 30 imprese sociali e culturali. Nel corso dell’incontro saranno presentati i 10 lavori finalisti realizzati dagli studenti nell’ambito di questo progetto che si inserisce nella più ampia iniziativa Community and Social Engagement realizzata dall’Università per proporre attività accademiche innovative, volte a declinare i valori sociali nell’attività istituzionale dell’ateneo. I risultati dei 20 progetti non finalisti saranno invece esposti come poster negli spazi del Salone il 7 e 8 ottobre.